Rai - Segretariato Sociale

Rai.it


Campagne sociali

  • Sensibilizzazione Giornata Nazionale contro il Bullismo 2020

    ASSOCIAZIONE SOCIAL WARNING - MOVIMENTO ETICO DIGITALE

    Anno : 2020

    Associazione :
    ASSOCIAZIONE SOCIAL WARNING - MOVIMENTO ETICO DIGITALE APS

 

SENSIBILIZZAZIONE GIORNATA MONDIALE CONTRO IL BULLISMO 2020

ASSOCIAZIONE SOCIAL WARNING - MOVIMENTO ETICO DIGITALE APS |

Quattro ragazzi su dieci appartenenti ad una fasciadi età tra i 12 e i 16 anni si imbattono in episodi di cyberbullismo navigando in rete o utilizzando i social media. È il dato allarmante cheemerge dalla ricerca, alla sua seconda edizione, condotta dall’Osservatorio scientifico della no-profit Social Warning - Movimento Etico Digitale (https://socialwarning.it/) che nel 2019 ha supportato oltre 10mila studenti tra i 12 e i16 anni in incontri di formazione nelle scuole, 7mila tramite moduli formativi ine-learning e a 4mila genitori in incontri dedicati.
“Insieme all’esposizione a contenuti e immagini pornografiche e ad episodi gravissimi di adescamento, il cyberbullismo è purtroppo ancora oggi il fenomeno più diffuso in cui i nostri ragazzi si imbattono on line” fa sapereDavide Dal Maso fondatore del Movimento e Social Media Coach.
Colpisce il dato che racconta che il 72,6% dei ragazzi intervistati ritenga giusto ricevere regole per approcciare la rete, ma che solo nel 55% delle famiglie dei ragazzi coinvolti nell’indagine dell’Osservatorio (+ 7,4% rispetto a quanto rilevato dalla ricerca nel 2018) vengono impartite limitazioni rispetto all’uso della rete o, più in generale, regole di comportamento a cui attenersi:l’80% dei ragazzi riferisce infatti che l’unica limitazione è legata al tempo di utilizzo. 

Tra le poche altre regole impartite dai genitori quella di non visitare siti porno e di mantenere chiuso il proprio profilo social.

“Questi dati - continua Dal Maso, primo docente ad aver portato l’educazione civica digitale come materia nelle classi - sembrano quasi tradire la difficoltà degli adulti di impartire regole precise ed esplicite per vivere serenamente il web in famiglia; forse perché il digitale è un mondo che molti di loro hanno sempre visto con sfiducia e distacco.”


https://socialwarning.it/