Rai - Segretariato Sociale

Rai.it


Campagne sociali

  • Sfido la fame

    Sfido la fame

    Anno : 2016

    Associazione :
    Oxfam Italia

Sfido la fame
Dal 24 aprile al 9 maggio. Campagna promossa da OXFAM Italia

Ancora oggi una persona su nove nel mondo soffre la fame. Sono 795 i milioni di persone, donne per la maggior parte, che il mondo più fortunato non deve abbandonare. Paradossalmente, il 98% di chi fa ancora i conti con una cronica carenza di cibo vive di agricoltura e allevamento nei paesi in via di sviluppo. Un dramma, quello della fame nei paesi poveri, che rischia nel 2016 di assumere dimensioni ancor più allarmanti a causa de El Niño: ben 60 milioni di persone in più, soprattutto piccoli agricoltori e allevatori, in Africa, America Latina e Sud-Est asiatico rischiano infatti di trovarsi in una condizione di insicurezza alimentare a seguito delle gravi siccità provocate da questo fenomeno metereologico strettamente collegato al cambiamento climatico e al surriscaldamento globale. Moltissime di loro sono donne, costrette a lottare ogni giorno per sfamare la propria famiglia. Si stima, che se avessero stessi diritti e stesse opportunità degli uomini, si potrebbero sfamare 150 milioni di persone in più e ridurre la fame del 19%. Per loro e per sostenere le loro comunità Oxfam lancia la Campagna di raccolta fondi SFIDO LA FAME, grazie alla quale dal 24 aprile al 9 maggio sarà possibile donare un aiuto (di € 2 o 5) con un sms solidale o chiamata da telefono fisso al 45509.

Oxfam Italia utilizzerà i fondi raccolti dalla campagna SFIDO LA FAME per dare opportunità alle donne più povere e vulnerabili di avere piena autonomia decisionale ed economica, permettendo loro di condurre una vita più dignitosa producendo reddito per sfamarsi e provvedere ai bisogni delle proprie famiglie.

Con un contributo di:

  • 2 euro sarà possibile fornire a una donna i semi necessari che le permetteranno di garantire cibo ai suoi figli per un’intera stagione;
  • 5 euro sarà possibile garantire a una donna 10 piante resistenti alla siccità, per diversificare i raccolti e sconfiggere la malnutrizione infantile. 

Con i proventi della campagna si potranno sostenere circa 40.000 persone, per la maggior parte donne, attraverso progetti di cooperazione finalizzati a migliorare la produzione di cibo, l’accesso alle risorse e al credito, rafforzandone la capacità di creare e commercializzare prodotti agricoli e artigianali in Etiopia, Sudan, Haiti, Tunisia, Tanzania, Marocco e Libano.

La campagna “Sfido la fame” mira a sostenere le comunità rurali nella lotta contro l’ingiustizia della fame e della iniqua distribuzione di cibo. Le donne sono al centro della strategia di sviluppo sostenibile di Oxfam che massimizza l’efficacia degli aiuti dotandole di strumenti concreti per uscire dalla povertà. Per Oxfam la promozione della giustizia economica per le donne è intesa come possibilità di accesso al cibo, alla terra e a un reddito dignitoso nei progetti di sviluppo e post emergenza ma anche nelle azioni di Advocacy e Lobby, anch’esse oggetto di questa campagna di raccolta fondi.
I fondi raccolti saranno destinati a migliorare le condizioni di vita, l’accesso alle risorse, al credito attraverso la promozione delle capacità delle donne di produrre e commercializzare prodotti agricoli e artigianali.
Le attività principali che verranno realizzate nel progetto sono quindi:
- produzione, trasformazione e commercializzazione di cibo;
- il rafforzamento della produzione e commercializzazione di prodotti artigianali;
- le azioni di advocacy, lobby, ricerca ed educazione alla cittadinanza che a livello più generale intervengono sulle politiche che causano le diseguaglianze.

La campagna “Sfido la fame” mira a sostenere le comunità rurali nella lotta contro l’ingiustizia della fame e della iniqua distribuzione di cibo. Le donne sono al centro della strategia di sviluppo sostenibile di Oxfam che massimizza l’efficacia degli aiuti dotandole di strumenti concreti per uscire dalla povertà. Per Oxfam la promozione della giustizia economica per le donne è intesa come possibilità di accesso al cibo, alla terra e a un reddito dignitoso nei progetti di sviluppo e post emergenza ma anche nelle azioni di Advocacy e Lobby, anch’esse oggetto di questa campagna di raccolta fondi.
I fondi raccolti saranno destinati a migliorare le condizioni di vita, l’accesso alle risorse, al credito attraverso la promozione delle capacità delle donne di produrre e commercializzare prodotti agricoli e artigianali.
Le attività principali che verranno realizzate nel progetto sono quindi:
- produzione, trasformazione e commercializzazione di cibo;
- il rafforzamento della produzione e commercializzazione di prodotti artigianali;
- le azioni di advocacy, lobby, ricerca ed educazione alla cittadinanza che a livello più generale intervengono sulle politiche che causano le diseguaglianze.

Per raggiungere un impatto duraturo ed efficace infatti Oxfam Italia adotta un approccio integrato che agisce a diversi livelli:

  • a livello delle comunità beneficiarie nei paesi di intervento, con attività che mettono in grado le persone di realizzare azioni concrete di lotta alla povertà;
  •  a livello nazionale (in Italia) e internazionale, sui decisori politici finalizzate a rimuovere alcune delle cause della povertà nei paesi di intervento.

                       
I progetti dove saranno destinate le risorse della raccolta fondi telefonica tramite numerazione solidale e tramite altri canali di raccolta sono i seguenti: Sudan, Etiopia, Tanzania, Haiti, Marocco, Tunisia, Libano ed alcune attività in Italia.

Dal 24 aprile al 9 maggio sarà possibile donare tramite il numero 45509:
- 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali;
- 2 euro anche per ciascuna chiamata fatta al 45509 da rete fissa Vodafone e TWT;
- 2-5 euro per ciascuna chiamata fatta al 45509 da rete fissa TIM, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Vai al sito >>