Rai - Segretariato Sociale

Rai.it


Campagne sociali

  • “UNA VOCE PER PADRE PIO” Diciassettesima edizione

    Una Voce Per Padre Pio

    Anno : 2016

    Associazione :
    Una Voce per Padre Pio

Gestita dall’"Associazione Una Voce Per Padre Pio ONLUS", la campagna di raccolta fondi nasce dalla volontà dei promotori di dare continuità all’operato di Padre Pio, che ha dedicato la sua vita agli altri.
Dal 16 luglio al 23 luglio, si potrà donare 2 euro con un SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali, o con una chiamata da rete fissa Vodafone o TWT
Per gli utenti Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali si potranno donare 2 a 5 euro con una chiamata da telefono fisso. Si potrà donare anche con bonifico bancario (conto Banca Prossima, codice IBAN IT 25 D 03359 01600 100000019720) 


SPECIFICA RACCOLTA FONDI:

ATTIVITA’ N.1 - Copertura costi di gestione strutture attive in Costa D’Avorio:
Le nostre Strutture, tutte di utilità Sociale a favore dei minori, non beneficiano di alcuna sovvenzione e/o convenzione con lo stato della Costa D’Avorio, in quanto, non previste e/o limitate al momento nel Paese. Di conseguenza, quindi, tutti i costi di gestione ordinaria e straordinaria delle strutture sono a nostro completo carico, in breve, energia elettrica, acqua, sostentamento dei bambini, vestiario, scolarità, cure mediche e costi del personale dipendente.

ATTIVITA’ N. 2 - Realizzazione Ospedale dei Poveri: Petit Maison Pour le Soulagement de la Souffrence”:
In Costa D’avorio, dopo la fame, la piaga più dolorosa è la mancanza di un servizio sanitario che possa dare un’assistenza in grado di soddisfare i bisogni primari della gente; inoltre, la promiscuità causata dalla guerra civile ha portato prepotentemente alla ribalta malattie terribili come l’ AIDS, il colera, il tifo, la tubercolosi, le malattie infantili e quelle sessualmente trasmissibili. In Costa d’Avorio, 150 bambini su 1.000 muoiono prima di aver compiuto 5 anni. Il paese si colloca al 17° posto in termini di tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni.  Il Progetto, nella sua interezza molto complesso ed articolato, nasce dalla esigenza di creare una Struttura in grado di garantire un minimo di assistenza Medico Sanitaria a tutti coloro che versano in gravi difficoltà. Molti sono quelli che non possono accedere alle minime cure sanitarie necessarie alla sopravvivenza.  L’idea è quella di creare un dispensario per i Poveri, dove vengano garantite visite mediche, cure e medicinali gratuitamente. Un Progetto che, negli anni, sarà destinato a diventare un vero e proprio Ospedale per i poveri. La posizione strategica del sito individuato per la realizzazione del Progetto, a ridosso della strada Nazionale, quindi facilmente raggiungibile da tutti, nell’area del Sud Comoe, darà la possibilità a “Tutti” di accedere ai servizi offerti dalla Struttura Sanitaria che andremo a costruire.

 

  • Il costo iniziale, prima fase del Progetto, si aggira intorno ad   € 1 milione
  • Il Costo Totale del Progetto, completo, si aggira intorno a € 15 milioni suddivisi in più fasi/stati d’avanzamento senza bloccare la funzionalità della Struttura. 


ATTIVITA’ N. 3 - Maison Le Paradis De Padre Pio:

COSA SI INTENDE REALIZZARE

  • Costruire una Casa Famiglia, con non poche difficoltà, che abbia le strutture adeguate per l’Assistenza a bimbi HIV positivi;
  • Creare un luogo che rappresenti per i bambini orfani affetti da HIV una vera e propria casa, dove    possano trovare affetto e cure mediche;
  • Creare un ambiente colorato e allegro, dove poter far vivere i piccoli ospiti in un ambiente dignitoso;
  • Offrire ai bambini che, se pur destinati a non sopravvivere, hanno il diritto di vivere fino alla fine in un ambiente rispettoso del loro stato;
  • Ospitare un numero minimo di 30 bambini a convitto permanente dalla nascita fino ai 3 anni di età, cosi come previsto ed imposto dalle normative vigenti ivoriane;
  • Poter fornire adeguate risposte a diversificate esigenze. 

CHI AIUTIAMO
I beneficiari saranno 30 bambini sieropositivi o malati di AIDS, nuclei familiari e giovani

 

Vai al sito>>