Rai - Segretariato Sociale

Rai.it


Campagne sociali

  • Medicinema

    Medicinema

    Anno : 2017

    Associazione :
    Segretariato Sociale

Il progetto

Il cinema in ospedale: una nuova esperienza terapeutica in grado di migliorare le condizioni di vita del malato, dal punto di vista fisico e psicologico, offrendo in più un'occasione di svago a lui e ai suoi familiari. È questa la sfida della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma e di MediCinema Italia Onlus, avviata nello scorso gennaio con una campagna sulle reti Rai che ha permesso di raccogliere 85 mila euro. Fondi con cui è stata realizzata la prima vera sala cinematografica all’interno di un ospedale italiano. 

La sala MediCinema al Gemelli, in grado di accogliere 130 persone con posti riservati a pazienti con letto e sedia a rotelle, è stata  inaugurata lo scorso aprile e accoglie con frequenza bi-settimanale pazienti adulti e pediatrici  ricoverati  nei diversi reparti del Policlinico.

 


A distanza di pochi mesi dall’inaugurazione della prima sala cinematografica MediCinema integrata all’interno del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, ha preso  ufficialmente il via il programma di terapia del sollievo attraverso il cinema grazie a The Walt Disney Company Italia che ha messo a disposizione l’intera collezione Disney•Pixar in Blu–Ray per la cura  e l’intrattenimento dei pazienti e delle loro famiglie.

 

La terapia di sollievo MediCinema rappresenta il punto di partenza dello studio scientifico coordinato dal Prof. Celestino Pio Lombardi, del Policlinico Universitario Agostino Gemelli, che porterà a misurare gli effetti della ‘cinematerapia’ sui degenti, grandi e piccoli, in collaborazione con altri centri ospedalieri che insieme a MediCinema stanno collaborando a questa stimolante esperienza. La programmazione delle proiezioni è realizzata con il supporto di psicologi specializzati, che seleziona settimanalmente i film da proporre ai pazienti adulti e a quelli pediatrici. La disponibilità di titoli di prima visione e anche di anteprime è resa possibile dalla generosità di importanti produttori cinematografici, primi fra tutti The Walt Disney Company Italia e Rai Cinema.

 

 

La cinema-terapia

Il progetto del Policlinico Gemelli e di MediCinema rientra nell’ambito della cinema-terapia, da tempo nota e praticata. Il fondamento della terapia del sollievo attraverso il cinema è che la visione di film crei sotto il profilo psicologico un "effetto pausa" per i malati, aiutandoli a ridurre la percezione del dolore e creando uno stato di benessere riscontrabile a livello neurologico. Le neuroscienze hanno iniziato a convalidare questa tesi (neurocinematics), cominciando a misurare gli effetti fisici durante la visione di immagini in movimento. MediCinema sta promuovendo al Gemelli un progetto sperimentale per misurare gli effetti della cinematerapia nel percorso ospedaliero e nell’approccio alla malattia. Le principali applicazioni prevedono l’area clinica riabilitativa nei deficit mentali e quella terapeutica relativa a psicosi, nevrosi, disturbi dell’umore, oltre all’area dei pazienti oncologici, e nelle terapie della famiglia.

 

I nuovi sviluppi

I proventi della raccolta di gennaio/febbraio 2017 saranno utilizzati per la gestione della sala e dell’articolato e sempre più consistente programma delle proiezioni, nonché per la realizzazione di laboratori creativi, pensati principalmente per i piccoli pazienti ricoverati o in trattamento post ricovero e integrati alle terapie mediche, sempre in stretta collaborazione con le équipes cliniche multidisciplinari del Policlinico. Sono stati contemporaneamente avviati alcuni progetti di ricerca multidisciplinari ad hoc, coordinati dal professor Celestino Pio Lombardi, con l’obiettivo di valutare scientificamente gli effetti del cinema sui pazienti a livello fisico e psicologico e rilevando eventuali miglioramenti nell’umore, percezione del dolore, diminuzione dell’assunzione di farmaci antidolorifici, maggiore adesione alle terapie, miglioramento della relazione genitori-figli nei pazienti pediatrici, più rapidi tempi di recupero e diminuzione delle giornate di ricovero.

 

Infine, il progetto si inserisce nel contesto più ampio di tutte le iniziative di umanizzazione del Policlinico, luogo in cui competenze scientifiche e tecniche, sensibilità umana, etica e valori cattolici diventano concretamente impegno al servizio di tutti: sempre quest’anno 2016 abbiamo realizzato la Villetta della Misericordia,  un punto di accoglienza per  ospitare i senzatetto presenti nelle strutture dell’Ospedale, o promuovendo un Fondo Carità, per sostenere le necessità sanitarie di persone in situazioni di comprovata difficoltà economica e rispondere a situazioni di emergenza sociale e fragilità esistenziale

Inoltre, nel Policlinico Universitario A. Gemelli sono presenti e attive quotidianamente più di 40 non profit, forti di oltre 400 volontari che offrono il loro aiuto ai malati e ai loro familiari per quelle esigenze che vanno oltre l'assistenza medico-infermieristica. I volontari, accanto ai medici e agli infermieri, operano nei reparti svolgendo con professionalità servizi di supporto psicologico e fisioterapico ai degenti, accolgono i parenti dei malati nelle Case famiglia, forniscono prodotti e servizi utili nel periodo di ricovero, organizzano laboratori e ludoteche ricreative per i piccoli e tanto altro ancora.

 

Vai al sito>>

 

 

Vai al sito>>